Musica House a tutto volume,

corpi che ballano, strisciano, si agitano in pista...

Spazio vitale di 1 mq...

Io e lei balliamo, uno attaccato all'altra...

Ma piano piano, si avvicina Lui...
Balla, si struscia, tocca, le afferra i fianchi,
sorride sornione,
ammiccando...

Lo fa una volta

Lo fa due volte

Non gli do il tempo di arrivare alla terza: lo prendo, lo afferro per il bavero di quella sua orrida camicetta e gli mollo un destro alla mascella...

Il rumore dell'osso che si spacca è attutito dalla musica, ma ho sentito l'osso rompersi sotto le mie nocche...

Lui si sentiva un Grand' Uomo...

Ma Grande era solo la figura di merda che aveva fatto...