Get Adobe Flash player

... dell'ipotesi di dio...

 

... il dio razionale dei filosofi e quello rivelato dei teologi, «le costruzioni stravaganti messe in piedi con cause incausate, con i primi motori immobili, con idee innate, armonie prestabilite e altre prove cosmologiche, ontologiche e fisico-teologiche» [m. onfray] sono solo modi differenti di affermare l'esistenza di un creatore che «plasma l'uomo con polvere del suolo e soffia nelle sue narici un alito di vita» [genesi]...

la questione relativa all'esistenza di dio è più recente di quanto si possa immaginare poiché solo a partire dal ventesimo secolo si é costituita una superficie intellettuale in cui le posizioni ateologiche potessero spaziare, superando così di fatto l'accademismo medievale, il riformismo rinascimentale e il confessionalismo della prima età  moderna che mai avevano messo in dubbio in maniera seria l'esistenza di dio a tal punto da arrivare alla negazione...

l'ateismo - sublime il concetto di ateologia teorizzato da bataille - non è che l'altra metà del rapporto deviato e malato che l'uomo contemporaneo ha instaurato con il sacro: l'ateo nel prendere commiato da dio, lo ha odiato a tal punto da crearsi un'altra religione; viceversa il credente, o teista, ha fatto di dio una metafora e non accetta l'idea che si possa mettere in discussione l'esistenza del personaggio mitologico che ha concepito...

in entrambi i casi è scaturita la fobia dell'esistenza di dio: è difficile riuscire a vivere a prescindere dall'ipotesi di dio, poiché «il fascino dell'angoscia sta nell'orrore delle soluzioni, nel fatto di sapere tutto sin dal momento in cui ci si interroga» [e. cioran]... ovvero, il credente e l'ateo hanno lo stesso bisogno di una propria divinità, sia pure con motivazioni forme ed esiti opposti: «soltanto un ateo può essere un buon cristiano, soltanto un cristiano può essere un buon ateo» [e. bloch]...

ecco che dio è la comoda maschera dietro cui si preferisce celare gli interrogativi riguardanti l'essenza dell'uomo e il senso della sua esistenza, causa prima e fine ultimo delle azioni umane, ma «infliggendo al dio ufficiale le mansioni del padre, del creatore e dell'amministratore, lo si è esposto ad attacchi cui doveva per forza soccombere» [e. cioran]...

Non sei autorizzato a pubblicare commenti!
Registrati oppure effettua il login!

Traduci pagina

Per leggere i testi

Dal 9 settembre 2012 - per scelta editoriale - la maggior parte dei testi presenti su Words on Mud è protetta. Per leggere i testi bisogna effettuare la registrazione o, se siete già registrati, il login.

Ciò ti consentirà di leggere i testi, commentare quelli già presenti, ricevere la nostra newsletter.

Prima di registrarti leggi anche le note sulla Privacy e i Termini di utilizzo e il Disclaimer.

Notizie flash

Benvenuto su Words on Mud, la nuova community per scrittori emergenti. Nelle pagine di WoM puoi pubblicare le tue poesie, i tuoi, racconti, i tuoi pensieri. Prima di farlo, però, ti chiediamo di leggere il "Regolamento" e le " F.A.Q.". Buona scrittura!


WoM è su Virbuzz.com


Words on Mud su Facebook.

Seguici su Twitter.

Esclusione di responsabilità: i nostri testi possono urtare la sensibilità di lettori sprovveduti e di persone che hanno riserve mentali. WoM vi consiglia prima di leggere o di continuare a leggere di dare un'occhiata al nostro Disclaimer. La poesia non può essere "vietata ai minori". In libreria chiunque può acquistare un libro, lo stesso se volete prendere in prestito un libro in biblioteca.



Per eventuali segnalazioni contattateci dalla pagina Contatti

Cerca

Login

Iscriviti a Words on Mud: leggi, pubblica e commenta i testi e ricevi la newsletter.

- Informativa cookies

Chi è online

Abbiamo 13 visitatori e nessun utente online

Ads