The case of the missing blue Volkswagen
di Gerald Locklin.



The case of the missing blu Volkswagen di Gerald LocklinGerald Locklin, The case of the missing blue volkswagen, Spout Hill Press, Walnut, California, 2013, ISBN 9780615736167, 127 pagine.

Gerald Locklin - già docente di Inglese alla California State University, Long Beach -  ci presenta una novella rapida, veloce, svelta. Una divertente parodia di quelli che sono gli stereotipi del genere "Giallo". Il suo detective, Bear, impegnato nella ricerca di una Volksvagen Blue finisce anche con l'indagare se stesso e il suo subconscio saltando da momenti divertenti a momenti di autoanalisi. Il tutto sempre con grande ironia.

Libro che è stato ristampato nel 2013. La prima edizione è del 1984.

I capitoli e i paragrafi sono molto brevi. Ci ricordano lo stile di John Fante. Più brevi però. Più incisivi. La storia è narrata con notevole sincerità e c'è dell'autobiografismo. Riporta alla mente la poesia "Confessionale" americana che qui è però narrazione in prima persona.

Le avventure di Bear e l'ironia che permea la storia richiamano la narrativa del grande Pirandello che  in California è considerato un precursore del Postmodernismo. Pirandello era anche amato da Charles Bukowski.

Bukowski è anche collegato a Locklin. I due sono stati grandi amici e, inoltre, l'ultimo romanzo di Bukowski - Pulp - deve molto a questa bella novella di Locklin. E' a questo libro che Bukowski si ispirò per scrivere del suo detective Nick Belane.

Onore a Gerald Locklin che merita sicuramente di essere maggiormente conosciuto in Italia.

Gabriele B. Fallica
*







* G.B.F. è in possesso del titolo di Laurea Magistrale in Lettere. Ha scritto la tesi in Letteratura Americana su Charles Bukowski Si occupa di Letteratura e Poesia americana da diversi anni. Vive a Vicenza.




Nota: compra il libro